OttorinoTosti
  Ottorino  Tosti

Otorino Tosti nasce nel 1950 a Genova. Nel 1973 inizia a dedicarsi alla speleologia, attività che pratica tutt’oggi ricercando ed esplorando grotte nei massicci calcarei delle Alpi Marittime e delle Alpi Apuane. Verso la fine degli anni 90 inizia ad interessarsi alle grotte nei ghiacciai e questo interesse lo porta a conoscere l’interno dei maggiori ghiacciai dell’arco alpino: dal ghiacciaio dei Forni e del Miage in Italia ai ghiacciai di Morteratsch, della Furka, dell’Oberraar, di Aletsch e del Gorner in Svizzera. Nel 2008 è per la prima volta in Groenlandia orientale dove predispone un piano per le ricerche speleologiche nei ghiacciai di Angmagssalik, ricerche che dovrebbero essere le prime condotte da italiani in questa remota zona del pianeta. Nel 2009 si reca nelle Ande settentrionali alla ricerca di resti della civiltà Inca, che qui conobbe il suo periodo di maggior splendore e ricchezza. Di questi due mondi ha apprezzato gli ambienti naturali e primitivi, ma soprattutto gli abitanti, semplici e genuini e conseguentemente si è affermata in lui la volontà di aiutare le popolazioni che vivono in condizioni di difficoltà e che stanno perdendo la loro cultura originale a seguito della pressione che il mondo occidentale esercita su di loro. Nel 2008 al ritorno del suo primo viaggio in Groenlandia crea il ‘progetto ItaliAmmassalik’, con l’intendimento di promuovere la conoscenza di questo dimenticato mondo artico e creare un ‘ponte’ fra il loro e il nostro mondo. Successivamente, raggiunta una dimensione tale da non poter più venire seguito da una sola persona, nel 2009 il Progetto diviene associazione (www.italiammassalik.it). Dal 2008 ha compiuto altri 3 viaggi in Angmagssalik, arrivando ad avere una buona conoscenza del luogo, della storia e delle tradizioni. Attualmente continua le sue esplorazioni dei mondi sotterranei. Coordina l’associazione da lui promossa come Presidente e diffonde con conferenze e mostre fotografiche la conoscenza degli Inuit di Angmagssalik.