Il Dio del Male di Biagio Proietti [ALlibri]

Approfondimenti OLTRE

29/12/2019, ore 15:49

In questo mondo, Proietti ha legato il proprio nome ad alcune storiche serie della domenica sera quando ancora si chiamavano sceneggiati e l’intera famiglia si sedeva sul divano per viaggiare di settimana in settimana sulle ali del mistero fino alla conclusione del caso criminoso proposto. Basti ricordare gli indimenticabili Coralba (1970), Un certo Harry Brant (1970), Lungo il fiume e sull’acqua (1973), Ho incontrato un’ombra (1974) e Dov’è Anna? (1976) oltre alla miniserie dedicata all’investigatore Philo Vance interpretata da Giorgio Albertazzi. Sono stati quelli gli anni e i testi con cui si è formata un’intera generazione di giallisti di oggi, riconoscente a Biagio Proietti come modello e come maestro.
Con le Edizioni Oltre, Biagio Proietti ha recentemente pubblicato Il Dio del Male in cui racconta di Franco Verzini, un industriale farmaceutico a rischio di bancarotta che riceve una strana telefonata: una voce chiaramente contraffatta gli annuncia che il prossimo 28 settembre, giorno del suo compleanno, sarà ucciso. Il giorno dopo, mentre si trova in azienda, in compagnia solo del guardiano della stessa, salta la corrente mentre lui si trova chiuso in ascensore. Ci vorrà del tempo per liberarlo. Un nuovo, angoscioso avvertimento. Non l’unico. Altre telefonate minacciose che lo riguardano raggiungono la moglie e il figlio. A questo punto l’imprenditore avverte la polizia, che manda il commissario Daniela Brondi che darà avvio a misure di sicurezza, inutili a salvare la vita all’imprenditore, il cui corpo sparirà in fondo al lago…
Buon fine anno con una lettura da brivido.
Commenti   |   Stampa   |   Segnala   |  Ufficio Stampa Oltre Edizioni Ufficio Stampa