SOLOLIBRI.NET di sabato 23 maggio 2020
Una donna commissario? Non una novitÓ dopotutto, ma in un giallo di quelli ôgiustiö. Il dio del male di Biagio Proietti Ŕ uscito a novembre 2019 per i tipi Oltre Edizioni (276 pagine).
di Felice Laudadio

Dov’è Anna?: ai giovani questo titolo non avrà granché da dire, ma gli stagionati ex telespettatori delle reti RAI monopoliste pre-apertura alle televisioni private riconosceranno uno dei più celebrati noir televisivi di sempre, trasmesso nel 1976; la fiction TV più seguita dal pubblico: 24 milioni ogni puntata, 28 per la settima e ultima. Allora non le chiamavano fiction, ma sceneggiati e per quello che ci interessa lo sceneggiatore è tutt’ora sulla breccia. È Biagio Proietti, oggi ottantenne, autore televisivo una cinquantina d’anni fa, che nell’ultimo decennio si è impegnato nella scrittura di polizieschi, con ottimi risultati, come conferma in questa nuova indagine di Daniela Brondi.
L’Italia si addice al giallo secondo Proietti, che si ispira ai grandi del poliziesco d’ogni tempo, da Dashiell Hammet a Raymond Chandler, e propone in prosa semplice personaggi scolpiti ma umani e situazioni convenzionali ma intriganti, prodotti di consumo, per quanto di alta qualità narrativa.

Come nello sceneggiato record (Dov’è  [...]

leggi l'articolo integrale su SOLOLIBRI.NET

SCHEDA LIBRO   |   Stampa   |   Segnala  |  Ufficio Stampa