martedì 31 gennaio 2012
*Il confine orientale* di Giorgio Federico Siboni
Disponibile in tutti i formati: cartaceo, ePub, PDF, mobipocket

Il confine orientale
da Campoformio all'approdo europeo

di Giorgio Federico Siboni

Il confine orientale può essere considerato come uno spazio in cui per secoli si sono intrecciate e sovrapposte molteplici frontiere, di natura politica, culturale, religiosa e infine nazionale. Un luogo non solo fisico, in quanto parte dell’Adriatico e in sostanza limine fra la penisola italiana e quella balcanica, ma anche cesura tra l’Europa occidentale e quella orientale in senso generico. Proprio in quanto superficie di rottura, il confine orientale rimane certamente un nodo caratteristico nella storia d’Italia. Collocato geograficamente dalle sponde del fiume Isonzo alla displuviale alpina orientale, racchiude il Carso (triestino e goriziano) e la penisola istriana sino a Fiume e al litorale dalmata con i suoi arcipelaghi di isole fino a Cattaro.
In esatta sintonia con i numerosi contrasti c  [...]

leggi l'articolo integrale su
Stampa   |   Segnala  |  Ufficio Stampa