lunedì 30 gennaio 2017
LA NUOVA SARDEGNA: Fare i conti con i traumi della guerra


È l'agosto del 2003, e il caldo a Zagabria si fa sentire come in poche altre occasioni precedenti. Dalle parti di piazza Kvaternik e del parco di Maksimir, in un tranquillo viale vivono e si muovono dei personaggi che, a un primo sguardo, potrebbero sembrare del tutto ordinari al punto da confondersi con i placidi cittadini borghesi della zona, non fosse che sotto l'apparenza ognuno di loro sta ancora facendo i conti con il disfacimento della Jugoslavia e con i traumi post-bellici, chi per ragioni pratiche, come l'ottenimento di una nuova cittadinanza, chi per questioni personali non ancora affrontate o del tutto risolte. L'afa e gli antidepressivi, pian piano, si mischiano e creano un mix fatale che intacca la lucidità degli abitanti del viale: inizia così una scia di sangue lunga dieci giorni.

[leggi l'articolo originale su LA NUOVA SARDEGNA (PDF)]
SCHEDA LIBRO   |   Stampa   |   Segnala  |  Ufficio Stampa

30/01/2017
LA NUOVA SARDEGNA: Fare i conti con i traumi della guerra
È l'agosto del 2003, e il caldo a Zagabria si fa sentire come in poche altre occasioni precedenti. Dalle parti di piazza Kvaternik e del parco di Maksimir, in un tranquillo viale vivono e si muovono dei personaggi che, a un primo sguardo, potrebbero sembrare del tutto ordinari al punto da confondersi con i placidi cittadini borghesi della zona, non fosse che sotto l'apparenza ognuno di loro sta ancora facendo i conti con il disfacimento della Jugoslavia e con i traumi post-bellici, chi per ragioni pratiche, come l'ottenimento di una nuova cittadinanza, chi per questioni personali non ancora affrontate o del tutto risolte. L'afa e gli antidepressivi, pian piano, si mischiano e creano un mix fatale che intacca la lucidità degli abitanti del viale: inizia così una scia di sangue lunga dieci giorni.

[leggi l'articolo originale su LA NUOVA SARDEGNA (PDF)]
SCHEDA LIBRO   |   Stampa   |   Segnala  |  Ufficio Stampa