Turchia, a Gobekli Tepe si riscrive la storia dell’umanità e nuove scoperte sono attese dal sito di Karahan
di lunedì 18 novembre 2019
È in parte ancora sconosciuta al grande pubblico. Ma si tratta di una delle più grandi scoperte di tutti i tempi che retrodata di centinaia di anni la storia dell’umanità
di Elena Panarella e Rossella Fabiani

È in parte ancora sconosciuta al grande pubblico. Ma si tratta di una delle più grandi scoperte di tutti i tempi che retrodata di centinaia di anni la storia dell’umanità. A Roma all’Istituto culturale turco “Yunus Emre”, diretto da Sevim Aktas, è stata presentata da un illustre parterre di ospiti la scoperta del sito archeologico di Gobekli Tepe nella Turchia orientale.
La prima a prendere la parola è stata la professoressa Zeynep Karahan Uslu, presidente della Fondazione Yildiz Sarayi che ha definito il sito un dono speciale: «La storia dell’umanità è segnata dai tentativi di dare un senso al mondo in cui viviamo e alla nostra esistenza. In tale tentativo, i percorsi misteriosi dell’arte e dell’archeologia spesso ci sorprendono con dei doni speciali. Uno di essi è l’ineguagliabile Gobekli Tepe, definito “il punto zero della Terra”, che ci catapulta in un viaggio indietro nella nostra storia di 12 mila anni e che si trova proprio nella mia città natale, Sanliurfa. Gobekli Tepe ci offre delle scoperte rivoluzionarie che contribuiscono a fare luce s  [...]

leggi l'articolo integrale su ilmessaggero.it
SCHEDA LIBRO   |   Stampa   |   Segnala  |  Ufficio Stampa