Mala morte, un 'cold case' del Medioevo
la Repubblica di giovedì 5 dicembre 2019
Indagine archeologica dal finale sorprendente nel volume firmato da Benente e Dentone
di Massimo Minella

Prendete un archeologo che ovviamente sa scavare, ma ha anche una passione sfrenata per le storie dimenticate e mettetegli a fianco uno degli scrittori più apprezzati in tema di letteratura di mare, che è anche saggista e narratore. Ne uscirà un libro che parla di storie passate, ma che ha continui rimandi con un presente in cui i misteri, troppo spesso, sovrastano la realtà. Ecco "Mala Morte", libro firmato da Fabrizio Benente e Mario Dentone (Oltre Edizioni, 19 euro), il primo docente di Archeologia del Mediterraneo all'ateneo genovese, il secondo scrittore appassionato ed eclettico, in grado di passare dalle storie di mare alla narrazione di luoghi e personaggi della sua amata Liguria.
Insieme, lo studioso che ama indossare i panni dello scrittore e lo scrittore che non disdegna di entrare nel cuore delle vicende umane e farsi investigatore ricostruiscono, ognuno con la propria sensibilità, una storia che arriva da lontano, dal Medioevo, e che riguarda un omicidio irrisolto. Un "cold Case” che Benente e Dentone restituiscono con freschezza narrativa al lettore, marciando ognuno per proprio conto e con i rispettivi str  [...]

leggi l'articolo integrale su la Repubblica
SCHEDA LIBRO   |   Stampa   |   Segnala  |  Ufficio Stampa