Il dramma di un ufficiale italiano dopo la fine del regime di Hitler
L'ANTIFASCISTA di sabato 8 febbraio 2020
“IL TRENO DA MOSCA”. UNA STORIA DA LEGGERE PER CAPIRE CHE COSA FU IL NAZISMO
di Claudio Longhitano


“Il Treno da Mosca” (Oltre Edizioni, 2019) è l’ultimo romanzo di Maurizio Lo Re, che si inserisce, a parere di chi scrive, nel filone letterario che questo autore porta avanti pubblicando opere che hanno la Storia come scenario ove collocare, ambientare e far vivere gli intrecci dei personaggi. Narrare per grandi linee la trama di questa sua ultima opera ci sembra utile per comprendere la scelta letteraria che questo autore ha voluto fare per caratterizzare i propri romanzi. Ne “Il Treno da Mosca”, ambientato nella Italia della fine degli anni 70, primi anni 80, l’avvocato Lucio Manacorda trova, abbandonata sul sedile di un treno, un vecchia copia del romanzo “Lucien Leuwen” di Stendhal. Tra le pagine del vecchio libro vi è scritto un “libro parallelo”, ossia è scritta la drammatica esperienza di un ufficiale italiano,  [...]

leggi l'articolo integrale su L'ANTIFASCISTA
SCHEDA LIBRO   |   Stampa   |   Segnala  |  Ufficio Stampa