«Giocando a scacchi nei gulag di Tito» di Emilio Stassi
di martedì 27 marzo 2018
di Lorenzo Coppolino

Dopo un anno di lavori forzati qua e là per la Jugoslavia ecco il penitenziario di Stara Gradska, fortezza incastonata esattamente a metà strada fra Belgrado e Zagabria. Il ragazzo che vi giunge ha appena diciannove anni, malnutrito e dall’aria talmente stanca da apparire sul punto di crollare da un momento all’altro. Quel ragazzo, che fino  [...]

leggi l'articolo integrale su MANGIALIBRI
SCHEDA LIBRO   |   Stampa   |   Segnala  |  Ufficio Stampa