Eichmann: così l'angelo della morte fuggì in Emilia
Il fatto quotidiano di lunedì 6 gennaio 2020
Villa Minozzo, 1946
Il criminale di guerra si rifugiò nel paese suggli Appennini, prima d'imbarcarsi a Genova, destinazione Buenos Aires.
Perché scelse di nascondersi proprio nelle terre impervie della Resistenza antifascista?
di Massimo Novelli

 [...]

leggi l'articolo integrale su Il fatto quotidiano
SCHEDA LIBRO   |   Stampa   |   Segnala  |  Ufficio Stampa