domenica 20 ottobre 2013  – ORE  14:30
La religione all'origine dell'agricoltura
Incontro con l'archeologo Roberto Maggi
a Bergamo, FestivalScienza
Teatro Donizetti
Gli scavi dell’Istituto Archeologico Germanico a Gobekli Tepe, presso Urfa, Turchia sud-orientale, indagano da quasi vent’anni un grande sito rituale, un santuario, dotato di centinaia di stele antropomorfe straordinariamente istoriate, alte fino a 5 metri, eretto quasi 12 000 anni fa da gruppi di cacciatori raccoglitori. Finora si riteneva che le società preagricole, costituite da piccoli gruppi nomadi egualitari, fossero socialmente e tecnologicamente inadatte a mobilitare grandi risorse ed a organizzare centinaia di artigiani armati di soli attrezzi di pietra e di legno per uno scopo trascendente. Gobekli Tepe ed altri siti mediorientali dimostrano il contrario, obbligano a ripensare la storia della complessità sociale e suggeriscono che forse fu la religione a far sviluppare l’agricoltura e la civiltà stanziale, piuttosto che il contrario.

ROBERTO MAGGI ha lavorato per oltre trent’anni quale archeologo paletnologo presso la Soprintendenza per i beni archeologici della Liguria. E’ attualmente docente a contratto di Ecologia Preistorica presso la Scuola di Specializzazione in beni archeologici dell’Universit&ag
Stampa   |   Segnala  |  Ufficio Stampa