KlausSchmidtKlaus Schmidt
Costruirono i primi templi
7000 anni prima delle piramidi

traduzione di Umberto Tecchiati
Prefazione di Roberto Maggi

Nel cuore della preistoria
Göbekli Tepe: una straordinaria scoperta archeologica che rivoluziona le nostre conoscenze sul remoto passato dell'uomo e getta una nuova luce sulle antiche tradizioni che hanno originato il racconto biblico della Genesi. Klaus Schmidt, l'archeologo scopritore del primo complesso templare dell'umanità, con questo libro ci conduce per mano dentro l'enigma che attanaglia da sempre gli studiosi della preistoria: donde veniamo e come siamo arrivati fin qui? Davanti a questa domanda cruciale, l'autore non si tira indietro ed avanza ipotesi narrando, in modo coinvolgente, il suo primo impatto con la misteriosa collina di Sanliurfa, nella Turchia orientale, e con i successivi eccezionali ritrovamenti, per poi descrivere con rigore la struttura dell'insediamento neolitico, cercando di interpretare il significato dei colossali pilastri a T disposti a cerchio ed istoriati con straordinari bassorilievi naturalistici o con simboli ancora tutti da decifrare. Il tutto 7000 anni prima delle grandi piramidi egizie e in tempi ancor più remoti rispetto all'innalzamento del primo megalite di Stonehenge. Il sito di Göbekli Tepe, con le sue meraviglie provenienti direttamente dall'era glaciale e con quelle che giacciono misteriosamente ancora sotto il manto di terra, è destinato a cambiare radicalmente la comprensione delle tappe dell'avventura umana.

'La scoperta degli antichissimi templi di Göbekli Tepe (X millennio a.C.) permette per la prima volta di comprendere, con chiarezza senza uguali, come cacciatori e raccoglitori abbiano dato origine alla cultura degli agricoltori sedentari. Un libro affascinante sugli inizi della rivoluzione neolitica.'
(Prof. Dr. Friedemann Schrenk, Direttore della sezione paleoantropologica del Senckenberg Museum di Francoforte)

'Questa è la storia della scoperta di un santuario monumentale che, a rigor di logica, non dovrebbe nemmeno esistere. Prima che venisse in luce, infatti, nessuno avrebbe creduto che i nostri predecessori, già 12000 anni fa, fossero in grado di realizzare opere d'arte e d'architettura di tale portata. In questo libro riccamente illustrato l'archeologo Klaus Schmidt, autore degli scavi, descrive quali forze propulsive abbiano potuto manifestarsi in un momento così cruciale per la storia della civiltà umana.'
(Umberto Tecchiati)

Click qui per consultare l'indice del libro


booktrailer       PDF assagio       consulta l'Indice       Pinterest       e-book
Pubblicato il 04/05/2011
pp. 272, XVI di tav. a colori
formato: cm. 14 x 21
paperback — brossura
COLLANA: PASSATO REMOTO
ARGOMENTO: Preistoria, Protostoria e Archeologia
ISBN: 9788897264002

Prezzo di Copertina € 24.50



Quantità:

 
Commenti
Da studentessa di archeologia preistorica e del Vicino Oriente ho trovato questo testo molto utile e dilettevole. Oltre che descrivere minuziosamente gli aspetti dell'insediamento di Göbekli Tepe, Schmidt fa anche una panoramica su altri siti preistorici (pre e ceramici) sia del Vicino Oriente sia delle culture europee. Molto interessante anche per i non addetti.
Francesca (via Amazon) 19/10/2017

Direi che più che un libro questa sia la relazione metodica, semplice, chiara e completa di una campagna di scavi. Quello che ci dice è che in un tempo che ci ostiniamo a chiamare Preistoria già esisteva la Storia, l'organizzazione sociale e la tecnologia per costruiretempli e città. Mi ha sempre dato fastido la rappresentazione della nostra storia come un salto improvviso da ominidi scimmieschi a uomini sapienti. Apprendere di una progressività intelligente molto antica mi conforta.
Pietro DS (via Amazon) 04/10/2017

Eccellente libro che descrive, in senso archeologico, gli scavi dello straordinario e incredibile sito di Gobekli Tepe in Turchia. Sito che risale ad almeno 11.600 anni fa!!!!!!!!!!!!! Un'area templare unica nel suo genere con incredibili "pilastri" a "T" perfettamente scolpiti e disposti a cerchio, davvero molto somigliante ai circoli di pietra megalitici. Da non perdere!!!!!!
Alex (via Amazon) 19/09/2017

Molto interessante. Nella prima parte cerca anche di dare una descrizione alla scoperta non troppo tecnica, per avvicinare un po' tutti i lettori. Comunque ci sono molte parti forse un po' troppo specialistiche.
Luca Tricerri (via Amazon) 03/08/2017

Il volume risulta interessante e dall'accentuato carattere divulgativo, buona l'impostazione dei capitoli. Tuttavia, a fronte di un costo non propriamente basso, il volume, sebbene molto interessante dal punto di vista contenutistico, risulta tristemente deludente sotto l'aspetto editoriale. L'impaginazione è molto discutibile e in alcune pagine la riga di testo si interrompe senza motivo per proseguire poco sotto; spesso le parole risultano scandite in sillabe come per andare a capo ma nel bel mezzo della riga; il segno dell'apostrofo è spesso capovolto o sostituito da un'inopportuna virgoletta; in alcune pagine cambia addirittura il font. Per non parlare dei numerosi refusi pur presenti nel volume. Se al contenuto si può tranquillamente assegnare il massimo della valutazione, all'edizione spetta soltanto il demerito di essere scadente.
Cliente Amazon 11/07/2017

Molto bello. La prima parte , più divertente, chiarisce benissimo i momenti di inizio delle attività agricole e di allevamento nel preneolitico della mezzaluna fertile. La seconda , più tecnica, dimostra le incredibili realizzazioni sacre ed artistiche in un periodo così remoto , con attrezzi di pietra e tecniche ancestrali.
Mauro Bonetto (via Amazon) 02/06/2017

Un "racconto" molto specifico, che ha catturato la mia attenzione sino alla fine. Per il mio gusto di lettrice appassionata di archeologia, ma non professionale, ho trovato che forse il libro pecca un po' di eccessiva cautela accademica.
Cliente Amazon Kindle 21/01/2017

Con tutti i forse e i "non lo sapremo mai", questo libro ci offre uno spaccato inedito del mondo antico. Consiglio a tutti di leggerlo
Giulio Albenga (via Amazon) 15/11/2016

Libro scritto molto bene che racconta con rigore storico e scientifico le ricerche su un'epoca storica misteriosa ed affascinante. A mio parere può essere letto da chiunque abbia un minimo di cultura storica. L'edizione kindle in cui l'ho letto è ben curata ma penso che acquisterò anche quella stampata per poter consultare più agevolmente le tante e utili immagini.
samueleb 05/07/2016

Essendo archeologo mi sarebbe risultato difficile parlare non bene di un'opera di un uomo della levatura di Schmidt. E non ne è proprio necessario nemmeno in questo volume che, a mio modesto parere, è ben comprensibile anche per chi non è specialista e che riesce a costruire in maniera eccellente il sito di Gobekli Tepe nella mente del lettore. Un'opera che consiglio a chiunque per cominciare a pensare tutti un po più alle nostre origini (delle quali sappiamo ancora molto poco!!).
Cliente Amazon 21/03/2016

Il libro e' molto meno scorrevole di quanto pensassi. Molto approfondito e tecnico; improntato decisamente all'ambito archeologico. L'argomento e' pero' molto affascinate e vale la lettura.
Ivano (vua Amazon) 19/02/2016

Una delle scoperte più importanti di sempre, parte della preistoria da riscrivere e una infinità di possibili sviluppi per l'archeologia. Scritto bene da un professionista purtroppo prematuramente scomparso.
Marco Poppi (via Amazon) 31/12/2015

Meraviglioso, stupendo ricco di notizie basate su scavi archeologici. Lo consiglierei a tutti gli appassionati delle ricerche sulle origini delle prime civiltà umane.
Noemi Di Vicino (via Amazon) 03/09/2015

Il sito di Stonehenge risale a 4000 anni fa, le piramidi dell'antico Egitto a 4500 anni fa, la prima città a 5000 anni fa. Il sito di Goebekli Tepe è datato a 11000 anni fa! L'autore descrive ogni passo e ogni dettaglio di questa importante scoperta corredando l'opera di numerose fotografie. Il sito rappresenta una scoperta eccezionale e le teorie sullo sviluppo delle prime comunità umane dovranno essere ora riviste. Anche se il linguaggio del libro è complessivamente semplice, il testo non è stato scritto con spirito esclusivamente divulgativo ma come un reportage e un'analisi accurata di una scoperta; sono richiesti interesse e pazienza da parte del lettore.
Andrea Sertorio (via IBS) 24/10/2014

Noioso. A mio parere avrebbe dovuto lasciare al lettore neofita la facoltà di informarsi e/o studiare gli argomenti a lui sconosciuti. Sarebbe stato interessante se senza girarci attorno avrebbe incentrato il discorso sull'argomento Göbekli Tepe.
Francesca (via Amazon) 21/10/2014

ottimo libro molto chiaro ed esaustivo, corredato di indispensabili foto. Ben tradotto si legge velocemente, una lettura molto scorrevole e gradevole.
Guido (via Amazon) 01/08/2014

Il libro narra della più rivoluzionaria scoperta archeologica dai tempi del ritrovamento di Troia e modifica completamente la concezione del Mesolitico e del livello di sviluppo della società umana in epoca post-glaciazione attorno al 10.000 AC. Il testo è estremamente dettagliato e di facile comprensione anche per i non addetti ai lavori. Prossima vacanza destinazione Sanliurfa (Turchia) ....
Robert Piergentili (via Amazon) 31/03/2014

Libro affascinante come un romanzo suspence tanto è vero che prima l'ho acquistato come ebook e poi l'ho acquistato cartaceo.
Renata (via Amazon) 15/03/2014

x tutti quelli che hanno curiosità e interesse nella nostra evoluzione lontana nel tempo...e purtroppo nello spazio..molto interessante efacile da consultare
Manola Masini (via Amazon) 20/10/2013

La mia valutazione, sarà stata influenzata dal fatto che ho visitato il sito di Gobleki Tepe alcuni giorni fa. Di conseguenza ho divorato il libro in poco tempo, e ammetto che l'archeologo scopritore del si ed autore del libro è riuscito ad interessarmi in modo completo alle sue scoperte e valutazioni: Altri libri di genere archeologico solitamente sono troppo tecnici e riservati ai facenti parte dei lavori. Io, che sono solo un "appassionato", sono rimasto entusiasta della lettura. Ringrazio l'autore.Klaus Schmidt.
Emilio Babbucci (via Amazon) 10/10/2013

La portata della scoperta di Gobekli Tepe è indiscutibile. Quindi questo libro segna davvero un nuovo punto di partenza per l'archeologia dell'epipaleolitico e del primo neolitico in Anatolia. Sicuramente, col tempo, il quadro portà arricchirsi.
Riccardo Bianchi (via IBS) 09/07/2013

Ho visto un documentario su SKY e volevo approfondire. A volte prolisso, ma le conclusioni e le appendici completano il cerchio e chiarificano Lo consiglio a chi piace capire l'evoluzione dell'umanità, i passaggi da un era all'altra quisling passaggio dai cacciatori raccoglitori ai cacciatori agricoltori. Affascinante
Andrea Cornalba (via Amazon) 22/04/2013

Quest'opera divulgativa dell'archeologo Schmidt ci proietta all'alba della religione, portando alla luce il sito templare monumentale più antico conosciuto: Gobekli Tepe. Una sito megalitico davvero impressionante: strutture templari di proporzioni enormi se si pensa che siamo nel cuore dell'Anatolia circa 3500 anni prima, se non di più', delle più grandi civiltà "urbane" dell'Egitto, della Mesopotamia e dell'Indo. Apparato illustrativo descrittivo e sintetico. Lettura piana e gradevole.
E. Mele 30/01/2013

L'opera dell'archeologo Klaus Schmidt è un sunto di anni di ricerche nell'area mediorientale. Il libro che se ne ricava è un testo di saggistica facile da leggere anche per i non specialisti di preistoria. Intuitivo e veramente illuminante anche per i profani dell'archeologia. La scoperta di un'area sacrale antica più di 7000 anni rispetto alle ben note e famose piramidi egizie e la finezza della realizzazione e delle incisioni nei pilastri megalitici è un modo per avvicinare il lettore ad una realtà ormai non più celata da superstizione e poca conoscenza della preistoria, cioè che l'uomo primitivo non era solo interessato a cacciare e riprodursi, ma che il senso del sacrale e la finezza delle realizzazioni monumentali sono antiche quanto antico è lo stesso sviluppo della mente umana. Unico neo è che forse qualche dato in più, come rilievi più approfonditi dell'area sacrale e qualche altra foto avrebbero reso il libro ancora più appetibile anche per gli specialisti di preistoria.
Mythos121 (via Amazon) 04/07/2012

http://www.ufoforum.it/topic.asp?TOPIC_ID=10312&whichpage=3 Notare questa immagine satellitare di Gobekli Tepe e le scoperte di Wayne Herschel...
sanje 28/04/2012

L'archeologo K. Schmitd ci illustra in questo libro il sito di Gobekli Tepe, una scoperta archeologica che ci porta a domandarci l'origine della religione, delle comunità, dell'agricoltura. Gobekli Tepe si ritiene possa essere il primo grande sito templare dell'umanità. L'autore narra la storia dei territori dell'attuale Turchia che ospitano il sito, il suo primo impatto con la collina dove è stato scavato l'insediamento neolitico e non si risparmia di avanzare ipotesi cercando tutte le possibili soluzioni.
A. Consalvo 17/04/2012


Carissimi, sono il kayaker e proffe in viaggio verso Zara avete incontrato a Ossero, dove sono arrivato senza incontrare grandi difficoltà. Ho visto il vostro sito e sono incuriosito - a dir poco - della storia del sito turco di cui mi avevate parlato. Prenderò il libro e lo leggerò con viva curiosità. Un caro saluto e a presto.
Emilio Rigatti 29/07/2011