Maurizio  Lo Re

Maurizio Lo Re, nato a Roma nel 1948, si è laureato in Lettere nel 1970, all’Università “La Sapienza” di Roma.
Dopo il servizio militare a Palermo tra il 1971 ed il 1972, a seguito di concorso pubblico, è entrato in carriera diplomatica nel 1973. Al Ministero degli Esteri ha prestato servizio, in vari periodi, presso le Direzioni Generali per la Cooperazione allo Sviluppo, gli Affari Politici, le Relazioni Culturali, l’Emigrazione.
All’estero è stato Console in Corsica, Incaricato d’Affari a Cuba, Console Generale a Capodistria (ex Jugoslavia, ora Slovenia) e Ambasciatore a Riga (Lettonia).
Rientrato a Roma alla fine del 2004, ha prestato servizio presso il Ministero degli Esteri, Direzione Generale per i Paesi dell’Europa, fino al 2007, anno in cui ha lasciato la carriera diplomatica, dedicandosi agli studi storici e alla scrittura.
Ha pubblicato il romanzo storico La linea della memoria (2002), sulle vicende della frontiera orientale italiana nel Novecento, il saggio La cultura italiana nella storia lettone (2003), il romanzo biografico Filippo Paulucci – L’italiano che governò a Riga (2006), tradotto anche in lingua lettone, il romanzo storico Gli amici di Leuwen (2009), il romanzo storico Domani a Guadalajara (2013), sulla guerra civile spagnola, e il saggio memorialistico Inusuali vicende consolari (2016).

 

prova