Giuseppe  Fiori

Giuseppe Fiori, ha diviso la sua attività amministrativa al Ministero dell’Istruzione (da ultimo come direttore generale del personale della scuola) con quella di narratore e saggista su tematiche amministrative ed educative, l’opera più recente è Scuola in frammenti (Anicia 2020) . Ha scritto libri per bambini e ragazzi: La leggenda dell'Acanpesce (Le Monnier 2002) da cui è stato tratto, per il teatro, Il mostro gentile nel 2015, Celestino e Ribò (Manni 2003), Frittelle d'acqua (Manni 2006), I sogni di re straccione (Laterza 2006), Phantomas (Manni 2010) e Il bambino a cui succedono cose impossibili (ilmiolibro.it 2012).
E' anche autore in coppia con Luigi Calcerano di romanzi e racconti polizieschi, tra i quali le prime storie del commissariato di polizia fluviale poi raccolte in Uomo di vetro uomo di piombo (Valore Scuola, 2002), della Guida alla lettura di Agatha Christie (Oscar Mondadori 1990), del saggio Teoria e pratica del giallo (Edizioni Conoscenza 2009) e di due storie apocrife di Sherlock Holmes: S.H. a Roma e Due pistole per un regicidio (Delos).
Le sue ultime opere edite da Manni sono: La conversazione sparita (2013), la raccolta di racconti Il cocomero a primavera 2015), La memoria spezzata (2017) e Il pasticciaccio del commissario Martini (2019).