Il Quotidiano del Sud di sabato 20 giugno 2020
Nel ventennale della morte ricordiamo Mario Soldati quale “padre” della letteratura distopica italiana.

Gli anni Settanta, momento storico di forte instabilità, vedono il romanzo distopico rispondere all’aspirazione dell’uo - mo contemporaneo ad una totalità, ormai perduta, di un mondoabitato dal senso. Il romanzo Lo smeraldo diviene una lente con cui osservare a fondo l’opera omnia dell’autore Soldati.
Il romanzo distopico degli anni Settanta si trova ad incorporare le funzioni e le finalita’ del romanzo sociale che, ormai, dagli anni Sessanta in poi pare non aver piu’ ragione d’essere. C’e’ ancora l’urgen - za di una letteratura che abbia un respiro collettivo, che parli all’umanita’ intera, che tratti tematiche sociali, ma non e’ piu’ possibile farlo attraverso un impianto realistico, c’e’ bisogno di lenti stranianti, funzioni fantastiche e incursioni in un futuro piu’ o meno prossimo. In questa chiave va interpretato anche il ricorso al respiro epico adottao dalla letteratura dispotica: in un momento storico in cui vige la frammentarieta’ e l’instabilita’, l’epica sembra ridpondere all’aspirazione dell’uomo con  [...]

leggi l'articolo integrale su Il Quotidiano del Sud
SCHEDA LIBRO   |   Stampa   |   Segnala  |  Ufficio Stampa