giovedì 8 ottobre 2020
di Lavinia Narda

L’etimologia della parola albero (in latino, arbor), secondo alcune interpretazioni, si ricollega alla radice indoeuropea  urv-, urb-, arb-,  che esprime l’idea di fecondità, l’idea di produrre. Non vi è appellativo migliore per questo libro che fecondo. “L’albero. Dialoghi tra fotografo e scrittore” (Töpffer Edizioni, Collana Prototypia, 2020, pp. 152, euro 24,50) di Roberto Besana e Pietro Greco è un libro che unisce testi a foto e ha come protagonisti indiscussi gli alberi, così banali e dati per scontati da tutti noi, eppure così vitali.

Alberi che compaiono nei testi di grandi autori come simbolo di luoghi che permettono di entrare nel profondo di noi stessi, alberi che con le radici insegnano all’uomo a “radicarsi” nella vita terrena, alberi che nelle poesie ci riportano ad assaporare la bellezza della natura, alberi che permettono di produrre “Il ma  [...]

leggi l'articolo integrale su Modulazioni temporali

SCHEDA LIBRO   |   Stampa   |   Segnala  |  Ufficio Stampa